Superfood del momento, le bacche di goji sono ricche di vitamine

Le bacche di goji sono un superfood del momento, ma perché sono così amate? In questo articolo, tutto quello che c’è da sapere su questo frutto asiatico.

Ormai, è già da un po’ di tempo che le bacche di goji, ovvero i frutti del Lycium barbarum, sono considerate un potente concentrato di vitamine con una forte azione anti-invecchiamento. Ma da dove provengono le bacche di goji e come si coltivano?

La zona di coltivazione principale delle bacche di goji è la provincia di Ningxia, stiamo quindi, parlando della Cina del centro. In realtà, l’arbusto è presente anche nella Mongolia interna e in Tibet. Questo tipo di pianta cresce molto bene anche nei nostri giardini e non solo in Cina.

Il frutto è di un color corallo ed è lungo circa due centimetri. Il succo è più o meno dolciastro e ha un retrogusto leggermente acido. La bacca è secca e ha un sapore simile ad un mix di uva, fichi e cranberry. Le bacche di goji vengono gustate in tutto il mondo.

I benefici delle bacche di goji

Le bacche di goji sono ricche di nutrienti essenziali. Infatti, contengono numerose vitamine, minerali, antiossidanti e aminoacidi. Ecco una classifica dei principali nutrienti presenti in questo frutto:

  • Vitamina C: è un potente antiossidante che aiuta a rafforzare il sistema immunitario.
  • Vitamina A: è essenziale per la salute degli occhi e della pelle.
  • Fibre: sono importanti per il corretto funzionamento dell’apparato digerente.
  • Ferro: è un minerale fondamentale per il trasporto dell’ossigeno nel sangue.
  • Proteine: le bacche di goji sono ricche di proteine complete e contengono tutti gli aminoacidi essenziali.

Le bacche di goji sono particolarmente amate per il loro alto contenuto di antiossidanti, come la zeaxantina e il betacarotene. Gli antiossidanti servono a combattere i radicali liberi, che sono molecole instabili che possono causare danni cellulari e contribuire all’invecchiamento e a varie malattie croniche.

Come si mangiano le bacche di goji

La pianta che genera questo frutto è resistente al freddo e come abbiamo detto si può coltivare anche in giardino. Ma come consumare le bacche di goji? Si possono mangiare fresche, secche o sotto forma di succo. Quando l’arbusto non produce bacche mature, si possono utilizzare alcune foglie per preparare una gustosa tisana. Inoltre, le bacche di goji si abbinano bene alle bacche locali, bello yogurt, con i cereali, nelle insalate o come sostituto del dessert. È possibile anche trovarle in forma di integratori alimentari. Inoltre, grazie al loro sapore, si accompagnano bene a tante ricette e diversi alimenti come:

  • Zucca
  • Ciliegie
  • Spinaci
  • Lampone
  • Insalta
  • Cioccolato

Controindicazioni

In ogni caso, nonostante i numerosi benefici visti, è importante consumare le bacche di goji con moderazione. Alcune persone, infatti, potrebbero sperimentare reazioni allergiche o controindicazioni se consumate mentre si assumono farmaci, come anticoagulanti. Inoltre, si consiglia sempre di consultare un medico prima di introdurre un nuovo alimento nella propria dieta.

Concludendo, le bacche di goji rappresentano un nutriente importante per qualsiasi dieta. Sono ricche di vitamine, minerali e antiossidanti e, possono anche offrire numerosi benefici per la salute. Come con qualsiasi superfood, il consumo deve essere consapevole ed equilibrato.

Lascia un commento